Annunci Gratuiti del Sud Italia

Come Postare un Annuncio

1Registrati

2Aggiungi nuovo annuncio

3Promuovi il tuo annuncio
Opzionale

4Conferma

Promuovi il Tuo Annuncio

Promuovi il Tuo Annuncio

Oggi e una bella giornata - Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Proin hendrerit vehicula odio, non porta lacus facilisis sit amet. Donec faucibus purus ante, nec imperdiet lorem.

Leggi oltre

Come non farsi fregare su internet

Articolo estrapolato dal sito www.tgcom.mediaset.it
Navigare in Rete nella più assoluta sicurezza, lontani da trappole e criminali. Per il momento è ancora un’utopia ma semplici accorgimenti per non cadere nelle mani di hacker senza scrupoli. Si tratta di sistemi necessari per chi acquista sempre più online in un settore, quello dell’e-commerce, alle prese con uno sviluppo ormai inarrestabile.

E-COMMERCE
La vendita online è disciplinata in Italia dall’articolo 21 del decreto legislativo Bersani, il 114 del 31 marzo 1998, il primo ad introdurre nel nostro Paese il concetto giuridico di commercio elettronico.

La legge prevede per chi voglia mettersi a vendere prodotti online gli stessi requisiti degli altri commercianti (comunicazione al Comune di residenza, silenzio-assenso, presenza di una partita Iva…). Va ricordato che il privato può vendere direttamente beni personali ma se quel tipo di vendita diventa un’attività primaria scatta l’obbligo di regolarizzare la posizione. Altresì detto: nessuno può contestare al signor Mario Rossi la vendita su eBay dell’intera discografia dei Pooh al signor Stefano Bianchi. Ma se lo stesso vende oggi i dischi dei Pooh, domani le compilation di Sanremo, poi l’ultimo cd dei Depeche Mode è lecito domandarsi se non si tratti di un negozio di dischi vero e proprio o di un grossista del tutto abusivo.

E’ da situazioni come queste che vengono a galla decine di evasori fiscali totali.

Qualche consiglio per l’e-commerce sicuro:

1) verificare la presenza online di informazioni relative all’organizzazione della società di vendita. Spesso è sufficiente conoscere un numero di telefono fisso per effettuare un primo riscontro sull’esistenza di quella società. Lo stesso vale per la pubblicazione di un domicilio fisico (diffidare sempre da chi mette solo l’e-mail, ndr)

2) buon segno se nell’home page appare il numero di partita Iva della società e dell’iscrizione alla Camera di Commercio: cliccando sul sito dell’ Agenzia delle Entrate è possibile scoprire se la ditta esiste e se corrisponde a quella cui stiamo per dare dei soldi.

3) la finanziarie e di intermediazione hanno l’obbligo di legge di inserire nella prima schermata il link al sito dell’Ufficio Italiano Cambi con il loro relativo numero di iscrizione.

MEZZI ELETTRONICI DI PAGAMENTO
C’è l’imbarazzo della scelta: esistono le carte di credito, di debito (i bancomat), le prepagate ricaricabili (le classiche Postepay, senza la necessità di aprire un conto corrente), le revolving (dividono la spesa su più mesi quindi accorgersi della truffa richiede più tempo, nr) e le ultime arrivate, le usa e getta (in cambio di denaro contante – vero o falso -, ottengo una carta di credito a scalare, un esempio è la carta “Calibra”).

Premesso che nemmeno la presenza di un documento di identità garantisce al cento per cento la coincidenza tra il portatore e titolare della carta, possiamo tutelarci in questo modo:

1) mai mostrare carta e pin ad estranei (può apparire un’ovvietà ma continua ad accadere, al pari di scrivere il pin sul retro della carta stessa)

2) non rispondere a nessuna e-mail dove si avvisa che “la vostra banca ha momentaneamente il sito offline e per effettuare operazioni urgenti utilizzare quest’altro sito” (il phishing è altrimenti servito)

3) ritirare sempre gli scontrini degli avvenuti pagamenti con carta di credito e, se non li si conserva, farli a pezzetti e non buttarli nello stesso cestino

4) verificare che nell’url del sito di shopping compaia la lettera “s” dopo “http” e che, in basso a destra, vi sia un lucchetto giallo: entrambi sono garanzia di sicurezza

5) attivare il servizio Sms dell’avvenuto uso della carta (non tutti gli istituti bancari lo reclamizzano a dovere): una strisciata effettuata, un Sms ricevuto.

6) e se quanto sopra non dovessa bastare, ricordarsi che è indispensabile disconoscere acquisti truffaldini entro e non oltre i sessanta giorni.





Acquistare su internet si sa, è comodo, veloce, si paga senza tirar fuori il portafogli e si riceve la merce a casa senza dover prendere la macchina e spostarsi in lungo e in largo alla ricerca di ciò che cerchiamo. Online si trova qualsiasi tipo di prodotto, anche il più introvabile nei negozi ed inoltre i prezzi sono spesso vantaggiosi e interessanti.

Attenzione però, occorre non farsi ingannare da certe offerte, siti e “ami” volti a far abboccare l’utente per rubargli dati personali quali username, password e dati su conti correnti bancari o delle carte di credito. A tal proposito BitDefender ha elencato una serie di consigli per chi vuole acquistare online in maniera sicura e consapevole, osservando quelle procedure ed accorgimenti utili ad evitare truffe e perdite di denaro.

Come acquistare online senza esser truffati

Prestare attenzione quando si digitano dati riferiti ad un conto on-line. Accertarsi sempre che l’URL dove ci troviamo sia quello che si intendeva realmente visitare. Cercare se possibile un sigillo di sicurezza accanto all’indirizzo web. Quello garantisce l’originalità ed attendibilità del sito.

Se si utilizza Internet mobile, assicurarsi di digitare manualmente l’indirizzo del sito da cui vogliamo fare acquisti. Lo schermo piccolo del cellulare rende molto difficile la lettura dell’URL e questo viene spesso sfruttato a vantaggio dei criminali informatici.

Prestare grande attenzione quando si digitano i dati della carta di credito o username e password dell’account. La raccomandazione è sempre quella di verificare l’url e accertarsi che si riferisca alla nostra banca o istituto di credito.

Evitare di scaricare qualsiasi contenuto (moduli, e-cards, file) facendo click su link di cui non si conosce di per certo l’originalità ed attendibilità. Biglietti di auguri, file eseguibili, frasi accattivanti che portano a dover cliccare su un link, sono assolutamente da evitare. Se proprio lo si vuole controllare occorre scaricare tali file ed effettuarne una scansione con il proprio antivirus aggiornato.

Non accedere al proprio conto bancario ne effettuare pagamenti utilizzando un computer pubblico connesso ad internet, questo perchè potrebbe render visibili i dati inseriti anche ai non autorizzati.

Queste le principali raccomandazioni fatte da BitDefender a chi desidera effettuare acquisti su internet e non essendo molto pratico, ha un po’ di paura nel farlo non sicuro di come muoversi. Ricordate inoltre di installare un buon antivirus e tenerlo aggiornato. Infine scaricate sempre gli ultimi aggiornamenti rilasciati per il vostro sistema operativo.

Catalogo Immobiliare

Annunci Più Visti

Consulto telefonico di Cartomanzia a offerta libera con ricarica TIM.

Annuci Recenti

Consulto telefonico di Cartomanzia a offerta libera con ricarica TIM.

Annunci a Caso

Consulto telefonico di Cartomanzia a offerta libera con ricarica TIM.

Featured Items